Please select your page
  • Visiona le circolari
    Consulenza fiscale e societaria - Consulenza del lavoro

Circolari inerenti la consulenza fiscale e societaria

Circolari inerenti la Consulenza fiscale e societaria

 

Anno 2018

Download PDF Data Titolo Allegati Link
 26 Marzo 2018  Circolare n. 3 3018 - Nuove regole per l'IVA sugli acquisti

 

Visualizza Circolare
 19 Marzo 2018  Circolare n. 2 2018 - Modello 730 Visualizza Circolare

 

 

Anno 2017

Download PDF Data Titolo Allegati Link
18 Dicembre 2017 Circolare n. 6 2017 - DL Collegato alla Legge di Bilancio 2018   Visualizza Circolare
24 Novembre 2017 Circolare n. 5 2017 - Gli omaggi e le spese di rappresentanza   Visualizza circolare
09 Ottobre 2017 Circolare n. 4 2017 - L'acquisto di carburante   Visualizza Circolare
02 Ottobre 2017 Circolare n. 3 2017- Iper ammortamento   Visualizza Circolare
26 Giugno 2017 Circolare n. 2 2017 - Manovra correttiva   Visualizza Circolare
20 Marzo 2017 Circolare n. 1 2017C - Modello 730

  - Novità 730-2017
  - Lista documenti per la compilazione
  - Scheda informazioni preliminari
  - Scheda 8 - 5 - 2 per mille
  - Tariffario
  - Privacy

Visualizza Circolare

 

Anno 2016

Download PDF Data Titolo Link
24 Novembre 2016 Circolare n. 5 2016C - IMU e TASI 2016 Visualizza Circolare
20 Ottobre 2016 Circolare n. 4 2016- Novità previste dalla Legge di Bilancio 2017 Visualizza circolare
15 Marzo 2016 Circolare n. 3 2016 - Modello 730  (Allegati) Visualizza circolare
20 Gennaio 2016 Circolare n. 2 2016 - Comunicazioni PEC Visualizza crcolare
12 Gennaio 2016 Circolare n. 1 2016 -  Legge di stabilità 2016  Visualizza circolare

Anno 2015

Download PDF Data Titolo Link
23 Ottobre 2015 Circolare n. 8 2015 -  Bozza Legge di stabilità 2016  Visualizza circolare
11 Settembre 2015 Circolare n. 7 2015- Beni in lavorazione nei paesi UE Visualizza circolare
10 Giugno 2015 Circolare n.6 2015- Proroga dei versamenti di Unico e Irap 2015 Visualizza circolare
10 Aprile 2015 Circolare n. 5 2015- Reversa charge in ediliza Visualizza circolare
13 Marzo 2015 Circolare n. 4 2015- Modello 730-2015 Visualizza circolare
  12 Gennaio 2015 Circolare n. 2 2015- La legge di stabilità 2015 Visualizza circolare
  11 Gennaio 2015 Circolare n. 3 2015- Fattura elettronica con firma digitale Visualizza circolare
08 Gennaio 2015 Circolare n. 1 2015 - Decreto Semplificazioni Visualizza circolare

 

Anno 2014

  Data Titolo Link
05 Febbraio 2014 Circolare n. 1 2014 - Compensazione crediti Visualizza circolare
28 Febbraio 2014 Circolare n.2 2014 - Modello 730 2014 Visualizza circolare
21 Marzo 2014 Circolare n.3 2014 - Consultazione banche dati Visualizza circolare
27 Marzo 2014 Circolare n.4 2014 - Prova delle cessioni UE Visualizza circolare
04 Aprile 2014 Circolare n.5 2014 - Nuova Sabatini Visualizza circolare
14 Maggio 2014 Circolare n.6 2014 - Tasi Visualizza circolare
23 Maggio 2014 Circolare n.7 2014 - Fatturazione elettronica Visualizza circolare
16 Luglio 2014 Circolare n. 8 2014 - L'obbligo del POS Visualizza circolare
16 Luglio 2014 Circolare n. 9 2014 - Bonus macchinari Visualizza circolare
17 Settembre 2014 Circolare n. 10 2014 - Nuovi obblighi per l'F24 Telematico Visualizza circolare
20 Ottobre 2014 Circolare n.11 2014 - Beni in godimento ai soci Visualizza circolare
21 Ottobre 2014 Circolare n. 12 2014- Aggiornamento libretti auto aziendali Visualizza circolare
18 Dicembre 2014 Circolare n. 13 2014- Novità sulle Dichiarazioni d'intento Visualizza circolare

 

 

Circolare 1/2018-C del 25.01.2018

Voucher Digitalizzazione

Rimborsi fino a 10.000 Euro

Al fine di promuovere la digitalizzazione dei processi aziendali e l’ammodernamento tecnologico, l’Amministrazione finanziaria mette a disposizone il “voucher per la digitalizzazione”, ovvero un incentivo utile ad investire in tecnologia con l’adozione di software, hardware e servizi digitali. E’ già possibile compilare la domanda per godere della misura agevolativa per le micro, piccole e medie imprese che prevede un contributo a fondo perduto erogato sotto forma di voucher sino al 50% delle spese ammissibili, di importo fino a 10.000 euro, finalizzato agli interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico.

Le spese ammissibili

Secondo l’articolo 2 del decreto 23 settembre 2014, le spese ammissibili sono relative all’acquisto di software, hardware o servizi che consentano:

·        il miglioramento dell’efficienza aziendale, in particolare della digitalizzazione dei processi;

·        la modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, per favorire l’uso della tecnologia e forme di flessibilità quali il telelavoro;

·        lo sviluppo di soluzioni di e-commerce, inclusi software specifici per la gestione delle transazioni on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete;

·        la connettività a banda larga e ultralarga;

·        il collegamento alla rete internet mediante tecnologia satellitare, attraverso l’acquisto e l’attivazione di decoder e parabole;

·        la formazione qualificata del personale nel campo ICT, quali partecipazione a corsi e acquisizione dei servizi di formazione qualificata.

Ad esempio possono ritenersi ammissibili i computer e le relative periferiche (monitor, stampanti, plotter ecc), i devices utilizzati per uso esclusivo aziendale (tablet, smartphone, ecc) e le attrezzature il cui utilizzo è basato su un software dedicato che consenta la digitalizzazione del processo produttivo.

Chi può beneficiare del voucher

L’incentivo è stato introdotto per aiutare tutte le PMI iscritte al Registro delle Imprese che rispettano i requisiti previsti dall’art.5 del decreto del 23 settembre 2014. Possono inoltre beneficiarvi anche i professionisti e gli studi professionali, ma solo qualora svolgano la propria attività in forma di impresa e siano iscritti, alla data di presentazione, al Registro delle imprese. È però necessario che le imprese non abbiano ricevuto altri contributi pubblici per le medesime spese.

Quando e come inoltrare la domanda

E’ già possibile accedere alla procedura informatica e compilare la domanda, che potrà poi essere presentata dal rappresentante legale dell’impresa dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018. Per l’accesso è richiesto il possesso della Carta nazionale dei servizi (Firma digitale) e di una casella di posta elettronica certificata (PEC) attiva e la sua registrazione nel Registro delle imprese.

Ai fini dell’ammissibilità al contributo, le spese riguardanti la digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico devono essere:

·        effettuate successivamente alla prenotazione del Voucher;

·        ultimate entro 6 mesi dalla data di pubblicazione del provvedimento cumulativo di prenotazione del voucher.

Entro 30 giorni dalla chiusura dello sportello il Ministero adotterà un provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher, su base regionale, contenente l’indicazione delle imprese e dell’importo dell’agevolazione prenotata. Per vedersi assegnare definitivamente il voucher, l’impresa deve poi presentare, entro 30 giorni dalla data di ultimazione delle spese e sempre tramite l’apposita procedura informatica, la richiesta di erogazione. Seguito alle verifiche istruttorie previste, il Ministero determinerà l’importo del voucher da erogare sulla base delle spese risultate ammissibili.

Rimaniamo a disposizione per ogni ulteriore chiarimento e approfondimento di Vostro interesse.

Anno 2017

Circolare 2/2018-C del 19.03.2018

 

OGGETTO: TASI – primo versamento dell’imposta al 16 giugno anche in assenza di delibera comunale

Modello 730/2018 redditi 2017

 

                                               

Con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2018 è stato approvato in via definitiva il modello 730/2018 relativo ai redditi 2017.

Il modello 730 può essere presentato, oltre che dai lavoratori dipendenti e dai pensionati, anche dai contribuenti privi di sostituto di imposta nei mesi di giugno e luglio 2018, purché nel 2017 abbiano avuto un rapporto di lavoro dipendente o assimilato. A tal proposito è stata appositamente inserita nella sezione “Dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio”, la casella “MOD.730 DIPENDENTI SENZA SOSTITUTO”.

In tal caso, se il contribuente avrà un conguaglio a debito, chi presta assistenza fiscale dovrà consegnare al contribuente la delega di versamento (mod. F24) oppure trasmettere telematicamente tale delega tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate. Se invece il contribuente avrà un conguaglio a credito, il rimborso sarà eseguito direttamente dall’Amministrazione finanziaria.

L’Agenzia Entrate mette a disposizione il modello 730 precompilato che lo Studio scarica  tramite delega firmata dal contribuente al fine di verificare che non ci siano dimenticanze di alcuni redditi come ad esempio l’indennità di disoccupazione o eventuali indennità Inail.

 

UNIONI CIVILI: Ai sensi di quanto stabilito dall’art.1 comma 20, Legge n.76/2016, le parole “coniuge” o “coniugi” o termini equivalenti si intendono riferiti anche ad ognuna delle parti dell’unione civile tra persone dello stesso sesso.

 

Il nostro Studio è a disposizione per la prenotazione dell’elaborazione del modello 730, garantendo adeguata consulenza sulle novità fiscali. Con la prenotazione, lo Studio fornirà ad ogni contribuente la delega per accedere o non accedere al 730 precompilato, che ci dovrà essere consegnata unitamente alla copia della carta d’identità. Senza tali documenti, lo Studio non potrà elaborare il modello 730. Chi ha fatto il modello 730/2017 redditi 2016 presso il nostro Studio, ha già firmato e consegnato la delega in sede di ritiro del modello 730.

A completamento dell’informativa si allegano i seguenti documenti:

Ø  Elenco delle principali novità fiscali del Modello 730.

Ø  Scheda Documenti per la compilazione del 730 da compilare e consegnare allo Studio in caso di variazioni dei carichi familiari o dell’indirizzo di residenza o del sostituto di imposta.

Ø  Scheda relativa alla scelta dell’8 e del 5 per mille. Trattasi di documento obbligatorio da compilare e consegnare allo Studio (non usare la scheda allegata alla certificazione unica).Nel caso non si voglia effettuare alcuna scelta la scheda dovrà essere consegnata in bianco con una firma in fondo.

Ø  Tariffario di Studio.

Ø  Lettera privacy da riconsegnare allo Studio debitamente firmata.

  

Rimaniamo a disposizione per ogni ulteriore chiarimento e approfondimento di Vostro interesse.

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a migliorarne le funzionalità. Procedendo con la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.